Dalla nascita del primo bambino concepito dalla tecnica di In Vitro Fecundation (1978) ci sono stati innumerevoli progressi scientifici nel campo della riproduzione umana.

La fecondazione in vitro (IVF) è un trattamento riproduttivo assistito in cui gli ovuli ottenuti dopo la stimolazione dell’ovulazione vengono fecondati dallo sperma in laboratorio (“in Vitro”). Gli embrioni ottenuti vengono trasferiti all’utero del paziente.

La fecondazione in vitro ci permette di studiare “cosa sta succedendo” nel processo di formazione degli embrioni. I risultati della fecondazione in vitro sono altamente variabili e dipendono da molti fattori. Nei nostri tassi di successo in laboratorio vanno dal 30 al 60%

La fecondazione in vitro è una tecnica sicura che richiede controlli regolari durante tutto il processo. Nel nostro laboratorio di riproduzione assistita, la tecnica ICSI o IMSI viene sempre utilizzata per eseguire la fecondazione in vitro.

Le condizioni necessarie per poter eseguire la fecondazione in vitro sono:

  • Nel caso delle donne: esame ginecologico, esami del sangue.
  • Nel caso dell’uomo: esami del sangue e campione di sperma con sperma o possibilità di eseguire biopsia testicolare per trovarli.
  • Consenso informato della fecondazione in Vitro.

Indicazioni di fecondazione in vitro sono:

  • Fattore maschile: alterazione moderata/grave nel numero di spermatori o nella mobilità.
  • Fallimento dell’inseminazione marita artificiale.
  • Fallimento dell’inseminazione del donatore artificiale.
  • Endometriosi moderata-grave.
  • Occlusione tubolare bilaterale.
  • hiv-positivi o HCV.
  • Diagnosi genetica preimpianto dell’embrione.

Non eseguiamo la fecondazione in vitro nelle seguenti situazioni:

  • Insufficienza ovarica o menopausa precoce: nessuna riserva ovarica funzionale per rispondere all’iperstimolazione ovarica controllata. È un’indicazione di ovodonazione.

Tecnica di fecondazione in vitro

Induzione ovulazione: iperstimolazione ovarica controllata.

L’obiettivo è quello di eseguire un adeguato sviluppo follicolare e raggiungere un numero sufficiente di follicoli pre-ovulatori da cui si ottengono ovociti maturi che possono essere fecondati formando embrioni per trasferirli nell’utero del paziente. Gonadotropine (iniezione sottocutanea) sono necessari per la stimolazione della crescita e la maturazione dei follicoli e farmaci aggiuntivi per inibire l’ovulazione spontanea possibile a livello ipofisario (antagonisti o agonisti dell’ormone gonadotropina-rilascio GnRH).

In tutti i cicli di fecondazione in vitro eseguiamo ultrasuoni e controlli analitici (estradioli) per valutare la crescita e la maturazione dei follicoli. Dopo 9-12 giorni di stimolazione, quando i follicoli raggiungono una dimensione di 17-18mm, viene attivata l’ovulazione con l’ormone HCG e la puntura follicolare è prevista.

Recupero degli ovociti: puntura follicolare (ovarica).

Si tratta di una procedura ambulatoriale che viene eseguita in un’area chirurgica e con anestesia locale e/o sedazione lieve, quindi è importante digiunare. La durata approssimativa della procedura è di 20 minuti. Per posizione ecografica dei follicoli e puntura attraverso la vagina, il liquido follicolare viene rimosso e collocato in tubi che vengono consegnati al laboratorio.

Gli embriologi osservano immediatamente il liquido follicolare, per riconoscere e isolare gli ovociti. Nel caso della fecondazione in Vitro con lo sperma di coppia in quel momento viene raccolto il campione seminale. Un’ora dopo la puntura, il paziente viene dimesso medicamente. Il riposo è consigliato per tutto il giorno. Questo giorno, di notte, inizia la somministrazione vaginale del Progesterone.

Laboratorio di fecondazione in vitro.

Gli ovociti sono classificati in laboratorio in base al grado di maturazione e quindi fecondati.

I metodi utilizzati per fecondare (inseminare) l’uovo sono:

  • Fecondazione in vitro “classica”:
    Ovociti e spermatomi saranno coltivati in laboratorio insieme e in condizioni favorevoli, per la fecondazione spontanea. Il giorno successivo viene valutato se c’è stata fecondazione.
  • Fecondazione in Vitro con Microiniezione di Sperma (ICSI):
    ICSI comporta l’introduzione, per mezzo di un microasima, di uno spermatozoi nel citoplasma dell’uovo maturo.
  • Fecondazione in Vitro con spermicecazione di spermatozoi morfologicamente selezionati (IMSI):
    Per la selezione dello sperma to microinietto utilizziamo, nella nostra clinica per la fertilità, una stazione avanzata di micromanipolazione che ci permette di visualizzare gli incrementi di sperma fino a 16.000 spermatozoi (in ICSI vengono visualizzati ad un massimo di 400 incrementi). Con questa tecnologia, che aumenta la visione dell’embriologo 40 volte, le alterazioni dello sperma possono essere valutate e la selezione, al momento del trattamento, dello sperma più sano per formare embrioni di migliore qualità (IMSI) che aumentano i tassi di successo e dimezzano la possibilità di aborti.
    Il giorno dopo la puntura contattiamo il paziente per segnalare il numero di embrioni e coordinare il trasferimento dell’embrione, che di solito viene eseguito 2 –6 giorni dopo la puntura follicolare.
  • Trasferimento embrionale:
    È fatto su base ambulatoriale e non richiede alcun tipo di anestesia. Consiste nell’introduzione, con guida ecografica, di embrioni con catetere attraverso la cervice per depositarli a circa 1,5 cm dallo sfondo uterino. Il numero di embrioni da trasferire dipende dall’età del paziente, dalla qualità degli embrioni e dai tentativi precedenti.
    Gli embrioni rimasti, se la loro qualità lo permette, sono congelati. Il riposo a casa è raccomandato 24-48 ore dopo il trasferimento. Continuiamo con il progesterone vaginale fino al test di gravidanza (in 13 giorni).
  • Tratteggio assistito o Tratteggio assistito:
    Si tratta di una tecnica di laboratorio che prevede l’apertura di un piccolo foro nell’involucro di alcuni o tutti gli embrioni che verranno trasferiti, per facilitare il loro impianto nell’utero.

Complicazioni della fecondazione in vitro:

 

  • Gravidanza multipla.
  • Sindrome da iperstimolazione ovarica grave (meno dell’1%)
  • Gravidanza ectopica.
  • Durante la puntura ovarica: sanguinamento, infezione e rischio di anestesia.

 

Ultimo aggiornamento: 24/07/2019

Riferimenti:

Manuale pratico di sterilità e riproduzione umana. Laboratorio di Riproduzione Assistita (Terza Edizione). J. Remoh , A.Cobo, J. Romero, M. J. de los Santos, A. Pellicer McGraw-Hill Madrid 2008..
– Ruiz A, Remohi J, Minguez Y, Guanes P, Simon C., Pellicer.A. Il ruolo della fecondazione in vitro e dell’iniezione di spermatozoi intraciti in coppie con infertilità non spiegata dopo l’inseminazione intrauterina fallita. Fertil Steril 1997; 68: 171-3.
– Berkovitz A, Eltes F, Paul M, Adrian E, Benjamin B. La possibilità di avere un bambino normale sano dopo il trattamento intracitoplasmatico di iniezione di spermatozoi (IMSI) è più alta rispetto al trattamento convenzionale di fecondazione in vitro-ICSI. Fertil Steril 2007; 88: S20.
– Ou, Y.C., Lan, K. C., Huang, F. J., Kung, F. T., Lan, T. H., & Chang, S. Y. (2010). Confronto tra la fecondazione in vitro e l’iniezione di spermatozoi intracitoli in cicli di recupero ovocitaestremamente bassi. Fertilità e sterilità, 93(1), 96–100. https://doi.org/10.1016/j.fertnstert.2008.09.039
– Yoeli, R., Orvieto, R., Ashkenazi, J., Shelef, M., Ben-Rafael, e Bar-Hava, I. (2008). Confronto della qualità dell’embrione tra iniezione di spermatozoi intracitolati e fecondazione in vitro negli ovociti di pari livello. Giornale di Riproduzione assistita e Genetica, 25(1), 23–28. https://doi.org/10.1007/s10815-007-9188-8
– Simopoulou, M., Giannelou, P., Bakas, P., Gkoles, L., Kalampokas, T., Pantos, K., & Koutsilieris, M. (2016). Rendere ICSI più sicuro ed efficace: una revisione della pratica dell’ovocita umana e dell’ICSI. In Vivo (Atene, Grecia), 30(4), 387–400.
– Patrat, C., Kaffel, A., Delaroche, L., Guibert, J., Jouannet, P., Epelboin, S., … Fauque, P. (2012). Tempistica ottimale per l’ovocita Denudation e l’iniezione intracitolasmica dello sperma. Ostetricia e Ginecologia Internazionale, 2012, 1-7. https://doi.org/10.1155/2012/403531
– Rubino, P., Vigan, P., Luddi, A., & Piomboni, P. (2016). La procedura ICSI dal passato al futuro: una revisione sistematica degli aspetti più controversi. Aggiornamento della riproduzione umana, 22(2), 194–227. https://doi.org/10.1093/humupd/dmv050
– (2018). Sviluppo di ICSI. Riproduzione, 156(1), F51–F58. https://doi.org/10.1530/REP-18-0011