Trattamenti di fecondazione assistita Diagnostica genetica della preimplementazione dell’embrione (DGP)

Questa tecnologia ci permette di individuare possibili alterazioni negli embrioni prima del trasferimento dell’embrione. E’ un grande aiuto in certe determinate condizioni.

Il DPG è l’analisi del cromosoma e le alterazioni genetiche nell’embrione prima del suo trasferimento alla madre. Ci permette di trovare gli embrioni senza cromosoma o difetti della mutuazione genetica.

L’obiettivo di questa analisi è quello di garanzia di un trasferimento sicuro. Per eseguire il DGP, è necessario esegure un trattamento di fecondazione in vitro con ICSI o IMSI. Tre giorni dopo la microiniezione, gli embrioni sono 6-8 cellule. Abbiamo campionato una cellula su ciascuno di essi, e lo analizziamo con tecniche di biologia molecolare a mettere da parte gli embrioni che presentano un difetto gentico.

Questa tecnica è raccomandata nei seguenti casi:

  • Malattie ereditarie autosomiche o malattie legate ai cromosomi sessuali, come ad esempio: il morbo di Huntington, la sindrome X fragile, la distrofia miotonica, la sindrome di Marfan, retinoschisi, emofilia A, fibrosi cistica, beta-talassemia, la distrofia muscolare di Duchenne, la malattia del rene policistico e altri.
  • Alterazioni strutturali del cromosoma, come translocazioni o inversioni.
  • Aborti ripetuti. Nel 50% dei casi, la causa risiede nell’embrione e non nella coppia. DGP, con l’aiuto della tecnica FISH è utilizzato per selezionare gli embrioni senza difetti (analisi su 9 cromosomi: X, Y, 13, 15, 16, 17, 18, 21 e 22), il che aumenta le possibilità di successo della gravidanza.
  • Precedente fallimento in FIV. Gli embrioni potrebbero mstrare un aspetto esterno normale, anche se contengono alterazioni genetiche che potrebbero prevenire l’implementazione e assicurare il successodel trattamento. DGP è usato per selezionare più embrioni accurati.
  • Età avanzata della madre.
  • Fattore maschile: alterazioni rivelate dall’analisi FISH, dalla meiosi, dalla frammentazione del DNA.
Last Update: 08/09/2014
References:
– Matorras R, Hernández J (eds): Estudio y tratamiento de la pareja estéril: Recomendaciones de la Sociedad Española de Fertilidad, con la colaboración de la Asociación Española para el Estudio de la Biología de la Reproducción, de la Asociación Española de Andrología y de la Sociedad Española de Contracepción. Adalia, Madrid 2007.
The Preimplantation Genetic Diagnosis International Society: guidelines for good practice in PGD. Reprod Biomed Online 2004;9:430-4.
– Geraedts JP, Harper J, Braude P, Sermon K, Veiga A, Gianaroli L, Agan N, Munne S, Gitlin S, Blenow E, de Boer K, Hussey N, Traeger-Synodinos J, Lee SH, Vivi- lle S, Krey L, Ray P, Emiliani S, Liu YH, Vermeulen S. Preimplantation genetic diagnosis (PGD), a collabo- rative activity of clinical genetic departments and IVF centres. Prenat Diagn 2001;21:1086-92.
– Thornhill AR, deDie-Smulders CE, Geraedts JP, Har- per JC, Harton GL, Lavery SA, Moutou C, Robinson MD, Schmutzler AG, Scriven PN, Sermon KD, Wilton L; ESHRE PGD Consortium. ESHRE PGD Consortium ‘Best Practice guidelines for clinical Preimplantation Genetic Diagnosis (PGD) and Preimplantation Gene- tic Screening (PGS)’. Hum Reprod 2005;20:35-48.