Sindrome della policisti ovarica – SOPQ

Chiamata anche syndrome di Stein-Leventhal, SOPQ è tra I problemi endocrinologici più frequenti nelle donne in età fertile.

Questa alterazione endocrinologica e metabolica colpisce tra il 6 e il 10% delle donne in età fertle. La caratteristica principale è un eccesso di ormoni maschili (iperandrogeniche) e un problema elevato del metabolismo del glucosio (iperinsulinemia). Anche se vi è un certo numero di donne asintomatiche, la maggior parte di esse mostra i seguenti sintomi:

  • Anovulazione: mancanza di mestruazioni o mestruazioni irregolari (oligomenorrea)
  • Obesità
  • Eccessiva crescita di peli (irsutismo)
  • Acne
  • Pelle grassa

I criteri diagnostici sono IPERANDROGENISMO (clinico o biochimico), ANOVULAZIONE e ASPETTI ECOGRAFICI delle ovaie (aumento del volume e immagini multiple di follicoli inferiori a 10 mm dalla coticale dell’ovaio).

I problemi a brevet ermine possono includere:

  • Sindromi di iperandrogenismo come acne, irsutismo e la pelle grassa. Raccomandiamo quindi l’adozione di misure igienico-dietetiche (perdita di peso e esercizio fisico), contraccettivi gestagena o contraccettivi anti-androgeni o trattamenti dermatologici contro l’irsutismo.
  • Irregolarità mestruale. In questo caso, si consigliano anche misure igienito-dietetiche (perdita di peso ed esercizio fisico). Si raccomanda inoltre di utilizzare contraccettivi gestgene e anti-androgeni.
  • Sub-fertilità-sterilità (per anovulazione). Come nei casi precedenti: un trattamento igienico-dietetico con riduzione ingestione calorica e aumento di esercizio fisico quotidiano (in particolare per le pazienti obese) aumenta la fertilità spontanea, e la risposta ai diversi trttamenti di fecondazione.
  • Clomifene citrato: la sua somministrazione durante I primi giorni del ciclo mestruale permette un ovulazione nel 75-80% dei casi di pazienti sottoposti a trattamento dell’infertilità, anche se solo la metà conduce ad una gravidanza. Il 75% delle gravidanze è tuttavia ottenuto nei primi 3 mesi.
  • Gonadotropin: è più efficiente del Clomifene citrate nel trattamento di fecondazione, ma vi è un maggior rischio di complicanze. La dose varia su base individuale per impedire una risposta esagerata. Se lo sviluppo del mono-follicolo associato per pianificare i rapporti sessuali o per l’inseminazione artificiale non porta ad una gravidanza, se vi è un fattore maschile o un tubo associato, o se uno sviluppo follicolare multiplo viene prodotto, altre tecniche di fecondazione assistita dovrebbero essere utilizzate, come la feocndazione in vitro (FIV).
  • Perforazione ovarica laparoscopica: l’apertura di “finestre” nella corteccia ovarica riduce la concentrazione di androgeni e innesca un’ovulazione spontanea entro pochi mesi dall’intervento.

Complicanze del trattamento:

  • Inseminazione artificiale: aumenta il tasso di gravidanze multiple.
  • Fecondazione in vitro: aumenta nella cancellazione del trattamento di fertilità, rischio della sindrome da iperstimolazione dell’ovaio.

I problemi a lungo termine della syndrome dell’ovaio policistico includono un aumento dei rischi cardiovascolari e cerebrovascolari: l’obesità, l’ipertensione arteriosa, l’intolleranza al glucosio e il diabete mellito di tipo 2, l’aumento del tasso di colesterolo, ecc). Misure igieniche e dietetiche diminuiranno il loro impatto (dieta, esercizio fisico).

Last Update: 11/09/2014
References:
– Stein I, Leventhal ML. Amenorrhea associated with bilateral polycystic ovaries. Am J Obstet Gynecol. 1935; 29: 181-91.
The Rotterdam ESHRE/ASRM- sponsored PCOS Consensus Workshop Group Revised 2003 consensus on diagnostic criteria and long-term health risks related to polycystic ovary syndrome (PCOS).Hum Reprod 2004;19: 41–47.
– SEF Sociedad Española de Fertilidad. Síndrome del Ovario Poliquístico
2ª edición.2012. Editorial Médica Panamericana
– Clinical Gynecologic Endocrinology and Infertility 7th ed: Leon Speroff, Robert H. Glass, Nathan G. Kase, 2006 Lippincott Williams & Wilkins